IL CENACOLO DI LEONARDO

CEN SITO

IL CENACOLO DI LEONARDO

SANT'EUSTORGIO E LE RELIQUIE DEI RE MAGI

GIOVEDI 2 GENNAIO

 

Programma di viaggio

Partenza in pullman dai punti di ritrovo e agli orari concordati in fase di prenotazione.

Sistemazione in pullman e partenza per Milano.

Arrivo previsto alle ore 10.15 circa e incontro con la guida in Piazza Santa Maria delle Grazie.

Qui, dopo un’ampia introduzione all’aperto, si accede al Convento Domenicano di Santa Maria delle Grazie dove, nell’ex refettorio, è esposto il capolavoro rinascimentale più noto al mondo e l’apice professionale di Leonardo da Vinci, il Cenacolo o Ultima cena, patrimonio dell’Unesco e capolavoro assoluto della storia dell’arte; una delle opere d’arte più importanti di tutti i tempi sia per la sua carica innovativa che per l’impatto che ebbe sugli artisti di tutte le epoche. Leonardo rappresenta il momento più drammatico del Vangelo quando Cristo annuncia il tradimento di uno degli apostoli.

Innanzitutto stupiranno le dimensioni: l’opera misura 880 cm di lunghezza e 460 cm di altezza. Poi si rimane stupefatti di fronte alla sua imponenza, anche perché la stanza è volutamente spoglia e semplice: l’attenzione è tutta sul dipinto, stupiscono le figure, la composizione, lo sfondo ….

Ci sono mille particolari da guardare.

Il programma continua con la visita dell’adiacente Chiesa di Santa Maria delle Grazie, una delle più belle chiese d’Italia e punto di riferimento per l’architettura milanese legata al nome del grande Leonardo da Vinci e di Donato Bramante.

Alle 12.30 circa trasferimento in pullman in zona Porta Ticinese, sui Navigli.

Tempo a disposizione per il pranzo libero.

Ore 14:30 circa incontro con la guida e visita a Sant'Eustorgio.

A seguire passeggiata con la guida tra il Naviglio Grande e il Naviglio Pavese dove si concentra la maggior parte dei locali e delle attrattive che hanno reso celebre questo angolo di Milano, recentemente inserito dall’autorevole New York Times tra le 12 strade più belle di altrettante città europee. La progressiva interdizione al traffico veicolare, l’apertura di nuove attività commerciali ed il recente intervento di ristrutturazione della vecchia darsena, inaugurata per l’apertura di EXPO 2015, hanno letteralmente fatto “esplodere” l’intero quartiere, ad oggi tra le zone più amate e frequentate da turisti e abitanti. La darsena è finalmente tornata agli antichi fasti e la riqualificazione dei moli e delle banchine hanno reso l’area un luogo ideale per passeggiare, chiacchierare e bere l’aperitivo immaginando di trovarsi ad Amsterdam o Stoccolma.

Assaporando il clima natalizio si raggiunge la BASILICA DI SANT’EUSTORGIO, una tra le opere artistiche della capitale lombarda troppo spesso trascurate. L’edifico religioso si presenta agli occhi dei visitatori con la sua mole in cotto: è una chiesa dal passato paleocristiano, ricostruita in età romanica ma interessata anche da aggiunte medievali e rinascimentali.

La Chiesa di Sant’Eustorgio rappresenta uno dei luoghi di culto più importanti e più antichi di Milano e si lega all’affascinante leggenda dei Re Magi secondo la quale qui si fermò il carro trainato dai buoi che trasportava in una pesante arca di pietra i corpi di Gaspare, Melchiorre e Baldassarre, i Re Magi. Il Vescovo Eustorgio, che le aveva ricevute in dono dall’imperatore Costante, interpretò questo evento come un segno e decise di edificarvi una basilica.

Rimasti per secoli a proteggere i milanesi, nel 1162 Federico I, detto il Barbarossa, trafugò le sacre spoglie dei Magi portandoli a Colonia, dove tuttora riposano in un aureo sepolcro nella Cattedrale della città. Solo all’inizio del Novecento la Chiesa ambrosiana riuscì a farsi restituire alcune preziose reliquie fortificando l’antico culto di Sant’Eustorgio.

Leggende a parte, entrando in basilica si nota subito come le cappelle laterali testimoniano la presenza di personaggi illustri e di pittori che si sono succeduti nel corso dei secoli all’interno di queste mura. Tra le innumerevoli opere che meritano una visita approfondita spiccano il monumento funebre di Stefano Visconti, affreschi di artisti lombardi del 1300, la Cappella dei Mago e la Leggenda dei sette dormienti, affresco datato 1578.

Rimasti per secoli a proteggere i milanesi, nel 1162 Federico I, detto il Barbarossa, trafugò le sacre spoglie dei Magi portandoli a Colonia, dove tuttora riposano in un aureo sepolcro nella Cattedrale della città. Solo all’inizio del Novecento la Chiesa ambrosiana riuscì a farsi restituire alcune preziose reliquie fortificando l’antico culto di Sant’Eustorgio.

Leggende a parte, entrando in basilica si nota subito come le cappelle laterali testimoniano la presenza di personaggi illustri e di pittori che si sono succeduti nel corso dei secoli all’interno di queste mura. Tra le innumerevoli opere che meritano una visita approfondita spiccano il monumento funebre di Stefano Visconti, affreschi di artisti lombardi del 1300, la Cappella dei Mago e la Leggenda dei sette dormienti, affresco datato 1578.

Ma la vera protagonista è la Cappella Portinari, costruita nel 1462 per il nobile banchiere Pigello Portinari, considerata tra le opere più belle del Rinascimento milanese.

La cappella, completamente affrescata da Vincenzo Foppa grande maestro del Rinascimento lombardo prima dell’arrivo di Leonardo, conserva la celebre arca marmorea di S.Pietro Martire, capolavoro del toscano Giovanni di Balduccio da Pisa. Costituisce la più evidente testimonianza dell'applicazione dell'architettura di stampo fiorentino nella Milano del Quattrocento.

Ore 17.00 termine delle visite guidate e ritrovo al pullman.

Partenza per il rientro in Valtellina dove l’arrivo è previsto in prima serata.

  Il viaggio verrà effettuato con un minimo di 25 persone.

 
QUOTA INDIVIDUALE DI PARTECIPAZIONE                EURO 75,00
La quota comprende:

Viaggio in pullman Gran Turismo – ingressi e visite guidate al Cenacolo e alla Basilica di Sant’Eustorgio – utilizzo di radio cuffie - accompagnatore – assicurazione sanitaria.

La quota non comprende

gli extra personali e tutto quanto non indicato alla voce “la quota comprende”.

 

Come funziona 

PRENOTA O RICHIEDI INFORMAZIONI CLICCANDO QUI 

INNSBRUCK E SWAROVSKI

mercatino di natale INNSBRUCK sw

INNSBRUCK E IL MONDO SWAROSVKI

DOMENICA 24 NOVEMBRE

 

Programma di viaggio

Ritrovo nei luoghi e agli orari stabiliti in fase di prenotazione.
Viaggio verso l’Austria via Tirano-Passo Bernina-Engadina.  Sosta per la prima colazione a Imst presso il particolarissimo autogrill Trofana Tyrol, ricostruzione di un villaggio tirolese.
Proseguimento del viaggio alla volta di Innsbruck dove l’arrivo e’ previsto per le ore 10.15. 
Giornata a disposizione da trascorrere tra i vari mercatini allestiti in città, tra i più apprezzati in scala internazionale.
Proprio di fronte al simbolo di Innsbruck, il cosidetto “tettuccio d’oro”, si tiene l’Innsbrucker Christkindlmarkt, letteralmente tradotto come il mercatino del Bambino Gesù di Innsbruck.
Le bancarelle sono una miniera inesauribile di addobbi per l’albero, opere di artigianato artistico, prodotti in lana e altri regalini. 
Simpatica è una passeggiata nella Kiebachgasse che a dicembre si trasforma in vicolo delle favole:
i personaggi delle favole più famose osservano i passanti dall’alto di facciate, balconi e cuspidi.
Il mercatino continua sulla Maria-Theresien Strasse, la via più prestigiosa di Innsbruck adornata da alberelli e piccole luci. Le bancarelle offrono specialità culinarie invernali e idee regalo.
Un altro mercatino che sembra un piccolo paese è allestito nella Marktplatz che costeggia l’Inn.
Il pranzo è libero.
 
Alle ore 14.30 circa ritrovo al parcheggio pullman e trasferimento a WATTENS, 16 chilometri ad est di Innsbruck, dove ci attende un magico mondo: i MONDI DI CRISTALLO SWAROVSKI, aperti nel 1995 in occasione del 100° anniversario della ditta Swarovski. Già l’ingresso stupisce i visitatori: un gigante alpino dagli occhi sfavillanti e dalla cui bocca escono acque cristalline. Dopo una breve introduzione in lingua italiana i visitatori saranno liberi di scoprire i tesori del gigante individualmente. Il percorso a senso unico conduce attraverso le Camere delle Meraviglie e permette di raggiungere direttamente il più grande negozio di Swarovski del mondo.
Alle ore 17.30 circa è previsto il ritrovo al pullman e la partenza per il viaggio di ritorno. 

  Il viaggio verrà effettuato con un minimo di 30 persone.

 
QUOTA INDIVIDUALE DI PARTECIPAZIONE                EURO 68,00
BAMBINI 6 - 14 ANNI                                                       EURO 60,00
La quota comprende:

Viaggio in pullman Gran Turismo–biglietto d’ingresso a Swarovski - assicurazione e accompagnatore.

La quota non comprende

gli extra personali e tutto quanto non indicato alla voce “la quota comprende”.

 

Come funziona 

PRENOTA O RICHIEDI INFORMAZIONI CLICCANDO QUI 

INNSBRUCK

innsbruck

INNSBRUCK 

SABATO 7 DICEMBRE 

Programma di viaggio

Ritrovo nei luoghi e agli orari stabiliti in fase di prenotazione.
Viaggio verso l’Austria via Tirano-Passo Bernina-Engadina. Sosta per la prima colazione a Imst presso il particolarissimo autogrill Trofana Tyrol, ricostruzione di un villaggio tirolese.
Proseguimento del viaggio per arrivare ad Innsbruck alle ore 11.00 circa.
Intera giornata a disposizione da trascorrere tra i vari mercatini allestiti in città, tra i più apprezzati in scala internazionale.
Innsbruck presenta ben sei diversi mercatini di Natale, ciascuno con un suo proprio carattere e interessanti particolarità, che invitano a curiosare, sostare e scoprire. A dare il via alla tradizione, nel 1973, fu il mercatino di stampo tradizionale davanti al Tettuccio d’Oro. Oggi, il mercatino di piazza Marktplatz, dedicato alle famiglie, offre un’atmosfera accogliente e avvincenti attrazioni per i più piccoli. Sulla piazza viene allestito l’albero d in cristallo Swarovski alto 16 metri dove risplendono oltre 170.000 cristalli Swarovski.
Il mercatino moderno di via Maria-Theresien-Straße, la via più prestigiosa di Innsbruck, ha un fascino tutto particolare, con i suoi alberi scintillanti e un modernissimo allestimento delle luminarie.
Il mercatino panoramico della Hungerburg conquista invece con una vista da sogno sull’intera città di Innsbruck, mentre la “magia di Natale” di piazza Wiltener Platzl propone vero artigianato locale, una pregiata gastronomia e un programma culturale accuratamente selezionato.
La piazza Hans-Brenner-Platz di St. Nikolaus è, infine, il luogo del raccoglimento per eccellenza.
Lungo la Herzog-Friedrich Gasse, una delle vie più antiche della città, proprio di fronte al simbolo di Innsbruck, il cosidetto “tettuccio d’oro”, si tiene l’Innsbrucker Christkindlmarkt letteralmente tradotto come il mercatino del Bambino Gesù. Le bancarelle sono una miniera inesauribile di addobbi per l’albero, opere di artigianato artistico, prodotti in lana e altri regalini. 
Simpatica è una passeggiata nella Kiebachgasse che a dicembre si trasforma in vicolo delle favole: i personaggi delle favole più famose, da Raperonzolo a Biancaneve, osservano i passanti dall’alto di facciate, balconi e cuspidi.
Il mercatino continua sulla Maria-Theresien Strasse, la via più prestigiosa di Innsbruck adornata da alberelli e piccole luci. Le bancarelle offrono specialità culinarie invernali e idee regalo. Inoltre la via è fiancheggiata da negozi e gallerie per lo shopping.
Il pranzo è libero.
Ogni angolo offre del cibo e il vin brulè, bianco o rosso, è presente ovunque.
Non mancano le occasioni per uno street food dai sapori forti e decisi: lo speck, re della tradizione culinaria tirolese; i brezels, pane cosparso di sale grosso con l’esterno croccante e l’interno morbidissimo; le patate calde alla tirolse saltate con pancetta ed erba cipollina; gli spatzle, semplici gnocchetti fatti con farina, uova e acqua impastati con spinaci, birra o formaggio... Innsbruck, cosparsa di piccoli caffè e pasticcerie,  è un paradiso per i golosi: strudel, krapfen, trecce all’uvetta, torte e dolci di sfoglia di tutti i tipi.
Passeggiando nel centro storico piuttosto raccolto, si potranno ammirare le particolarità che la città offre: palazzi rococò arricchiti da stucchi decorativi, portici particolari e splendide insegne tipiche del Tirolo realizzate in ferro battuto, il “Tettuccio d’oro”simbolo della città: un balcone dal tetto sporgente ricoperto da 2.657 lamine di rame dorato che brilla di diverse sfumature d’oro, a seconda della luce che lo colpisce. Inoltre la Cattedrale di San Giacomo con due grandi campanili con copertura in rame, visibili da quasi tutta Innsbruck; il Palazzo Imperiale con la Sala dei Giganti riccamente decorata da stucchi bianchi e oro e un grande soffitto affrescato. Suggeriamo una visita alla Hofkirche, la celebre chiesa imperiale che, nonostante l’esterno anonimo, al suo interno ospita due file di 28 statue bronzee che sembrano quasi custodire il sarcofago (vuoto, il corpo si trova a Vienna) di Massimiliano I (Biglietto d’ingresso Euro 7,00).
Alle ore 17.30 circa è previsto il ritrovo al pullman e la partenza per il viaggio di ritorno con arrivo in tarda
serata.

  Il viaggio verrà effettuato con un minimo di 30 persone.

 
QUOTA INDIVIDUALE DI PARTECIPAZIONE                EURO 50,00
La quota comprende:

Viaggio in pullman Gran Turismo– - assicurazione - accompagnatore.

La quota non comprende

gli extra personali e tutto quanto non indicato alla voce “la quota comprende”.

 

Come funziona 

PRENOTA O RICHIEDI INFORMAZIONI CLICCANDO QUI 

INNSBRUCK E IL CASTELLO DI AMBRAS

art 96tu9q

INNSBRUCK E IL CASTELLO DI AMBRAS

DOMENICA 15 DICEMBRE 

Programma di viaggio

Ritrovo nei luoghi e agli orari stabiliti in fase di prenotazione.
Viaggio verso l’Austria via Tirano-Passo Bernina-Engadina. Sosta per la prima colazione a Imst presso il particolarissimo autogrill Trofana Tyrol, ricostruzione di un villaggio tirolese.
Proseguimento del viaggio alla volta di Innsbruck dove l’arrivo e’ previsto per le ore 10.15. 
Giornata a disposizione da trascorrere tra i vari mercatini allestiti in città, tra i più apprezzati in scala internazionale.
Proprio di fronte al simbolo di Innsbruck, il cosidetto “tettuccio d’oro”, si tiene l’Innsbrucker Christkindlmarkt
letteralmente tradotto come il mercatino del Bambino Gesù di Innsbruck. Le bancarelle sono una miniera inesauribile di addobbi per l’albero, opere di artigianato artistico, prodotti in lana e altri regalini. 
Simpatica è una passeggiata nella Kiebachgasse che a dicembre si trasforma in vicolo delle favole: i personaggi delle favole più famose osservano i passanti dall’alto di facciate, balconi e cuspidi.
Il mercatino continua sulla Maria-Theresien Strasse, la via più prestigiosa di Innsbruck adornata da alberelli e piccole luci. Le bancarelle offrono specialità culinarie invernali e idee regalo.
Un altro mercatino che sembra un piccolo paese è allestito nella Marktplatz che costeggia l’Inn.
Il pranzo è libero.
Alle ore 15.00 ritrovo al pullman e trasferimento al CASTELLO DI AMBRAS, in collina a soli 4 chilometri dal centro di Innsbruck.   Il Castello di Ambras venne fatto costruire dall’arciduca Ferdinando II appassionato collezionista che fondò proprio qui il primo museo in Germania e Austria, esponendo opere d’arte, armature ed altre curiosità. Un tempo fortezza medievale, l’imponente palazzo è stato trasformato in un formidabile castello del Rinascimento per la moglie dell’arciduca, Philippine Wesler.
Si potrà ammirare l’armeria, dove sono appunto conservate numerose armature e rare armi da combattimento.
Si entrerà in una galleria molto particolare chiamata “Camera dell’arte e delle curiosità” che racchiude un’infinità di oggetti strani e bizzarri provenienti da tutto il mondo, come le sete asiatiche, armature da samurai, giocattoli meccanici, elaborate incisioni in legno e coralli… Attraverso le sue collezioni Ferdinando II voleva probabilmente esternare il suo interesse verso l’inusuale e il grottesco. 
Segue la visita della decoratissima “Sala Spagnola”, annoverata tra i più significativi esempi di saloni rinascimentali; venne fatta costruire nel 1569-1572 su volere dell’Arciduca Ferdinando II come sala di rappresentanza ed era utilizzata principalmente in occasione di feste ed eventi mondani. Presenta un corridoio lungo ben 43 metri decorato con paesaggi e ritratti di antichi nobili tirolesi, con un notevole soffitto a cassettoni e porte impreziosite da elaboratissimi intagli. Ancora oggi al suo interno vengono organizzati dei concerti, soprattutto nei mesi estivi.
Alle ore 17.30 circa è previsto il ritrovo al pullman e la partenza per il viaggio di ritorno. 

  Il viaggio verrà effettuato con un minimo di 30 persone.

 
QUOTA INDIVIDUALE DI PARTECIPAZIONE                EURO 62,00
BAMBINI 6 - 14 ANNI                                                       EURO 55,00
La quota comprende:

Viaggio in pullman Gran Turismo–biglietto d’ingresso al Castello di Ambras e visita guidata - assicurazione e accompagnatore.

La quota non comprende

gli extra personali e tutto quanto non indicato alla voce “la quota comprende”.

 

Come funziona 

PRENOTA O RICHIEDI INFORMAZIONI CLICCANDO QUI 

BOLOGNA

 bologna

BOLOGNA

LA FIERA DI SANTA LUCIA

IL VILLAGGIO DI NATALE FRANCESE  

SABATO 14 DICEMBRE 

Programma di viaggio

Ritrovo nei luoghi e agli orari stabiliti in fase di prenotazione.
Breve sosta in Autostrada prima di raggiungere BOLOGNA. All’arrivo incontro con  la guida e percorso a piedi nelle vie del centro storico, con l’ausilio di radio-cuffie. L’itinerario prevede: Piazza Maggiore con la maestosa Fontana del Nettuno – Palazzo Comunale – Basilica di San Petronio – Palazzo dell’Archiginnasio – mercato Medievale – Torri e Portici…
Alle ore 12.00 circa termina la visita guidata e la giornata prosegue con tempo a disposizione per ripercorrere singolarmente l’itinerario del mattino, alla scoperta delle numerose manifestazioni che la città propone e per il pranzo libero.
La FIERA DI SANTA LUCIA è una tradizione molto antica della città di Bologna, una manifestazione tradizionale che risale ad alcuni secoli fa. Allestita sotto il portico della Chiesa di Santa Maria dei Servi, in Strada Maggiore e a pochi passi dalle due torri, è il luogo-simbolo del Natale bolognese. E’ riconosciuta dalla Sopraintendenza alle Belle Arti di alto valore storico e culturale per la sua ubicazione e la prevalenza di articoli per il presepe e per l’albero.
Fra le bancarelle riccamente decorate vi sono addobbi per l’albero, decorazioni, articoli per il Presepe, dolci e idee-regalo e i sapori dei prodotti tipici enogastronomici bolognesi. 
Il tradizionale mercatino di Natale si svolge in Via Altabella, nei pressi di Piazza Maggiore e della Basilica di San Petronio e consente una full immersion nell’atmosfera natalizia tra luci e colori delle vie del centro storico e sotto i portici.
In Piazza Minghetti è allestito un VILLAGGIO di NATALE FRANCESE con casette addobbate a festa con profumi e sapori tradizionali d’oltralpe e tanti articoli regalo: dalla Provenza e dalla Costa Azzurra arrivano tovaglie, saponi, lavanda ed essenze, da Parigi profumi, accessori moda e tanto altro.
Anche la gastronomia proposta è molto ampia: tantissimi tipi di formaggi, vasto assortimento di vini, biscotti bretoni, cioccolatini di vari tipi e i famosi macarons. Gustose baguettes e croissants caldi saranno sfornati nella “Boulangerie”.
Nel Palazzo Davia Bargellini, fra gli edifici civili nobili di tutta la città, è ospitato il Museo civico d’arte industriale: parte della sua raccolta contiene preziosi esempi del Presepe artistico bolognese.
Anche Bologna, così come Napoli, ha una tradizione presepistica piuttosto antica. I personaggi del presepe bolognese sono modellati o scolpiti in materiali quali terracotta, legno, cartapesta o gesso senza l’ausilio della stoffa per completare gli abiti. Caratteristica del presepe bolognese sono due personaggi originali: la Meraviglia, un personaggio femminile che esprime lo stupore di fronte agli eventi della natività e il suo opposto: il Dormiglione, una statuetta maschile che passa il suo tempo dormendo, senza accorgersi degli Eventi.
A Palazzo Podestà è allestita la FIERA DELL’ANTIQUARIATO con oggetti vintage, modernariato, chincaglieria, quadri e altri oggetti per i regali.
In Via San Giuseppe è proposto l’artigianato artistico con oggetti in cuoio, legno …
Alle ore 17.30 circa ritrovo al pullman e partenza per il rientro in Valtellina. Brevi soste al bisogno e arrivo a destinazione in serata.

  Il viaggio verrà effettuato con un minimo di 30 persone.

 
QUOTA INDIVIDUALE DI PARTECIPAZIONE                EURO 65,00
La quota comprende:

Viaggio in pullman Gran Turismo – visita di Bologna con la guida e l’ausilio di radio cuffie assicurazione - accompagnatore.

La quota non comprende

gli extra personali e tutto quanto non indicato alla voce “la quota comprende”.

 

Come funziona 

PRENOTA O RICHIEDI INFORMAZIONI CLICCANDO QUI 

Pagina 1 di 8