TRENO DEI SAPORI - Partenza dalla Valtellina

TRENO DEI SAPORI

TRENO DEI SAPORI

"Tour Classic" ISEO-VALCAMONICA

14 SETTEMBRE

Il gusto di un viaggio che delizia ogni senso alla scoperta del paesaggio e dei profumi della Franciacorta e del Lago d’Iseo, unitamente alle bellezze artistiche e culturali che questo territorio offre. Una gita tra passeggiate alla scoperta di borghi caratteristici, affascinanti scenari, cantine artigianali e siti culturali di qualità.
 
Il TRENO DEI SAPORI composto da una motrice diesel e due carrozze color arancio, è una recente ed esclusiva iniziativa di TRENORD programmata per offrire piacevoli “gite fuoriporta” sulla sponda bresciana del Lago Iseo, lungo la direttrice ferroviaria Brescia /Edolo/Brescia. 
La struttura e il fascino del treno sono quelli del primo ’900 mentre gli interni, totalmente restaurati e riadattati, sono dotati di ogni comfort per rendere il tragitto dei passeggeri piacevole e rilassante. Il Treno dei Sapori è dotato inoltre di un sistema di telecamere esterne che ti permetteranno di avere una visione a 360° del territorio circostante tramite gli schermi interni al convoglio.
 
Programma di viaggio:
In prima mattina ritrovo nei luoghi e agli orari stabiliti e partenza in pullman verso il Lago d’Iseo via Lecco
Arrivo a ISEO alle ore 9.45. Incontro con la guida e visita di Iseo.
Ore 11.50 partenza del “Treno dei Sapori” in direzione Pisogne. Aperitivo di benvenuto a bordo con stuzzichini
Ore 12.26 arrivo a Pisogne e servizio degustazione a bordo:
Assaggi di salumi e formaggi tipici - Primo piatto con condimento di stagione - Secondo piatto caldo con polenta e funghi trifolati e salamina alla griglia - Dessert - Caffè - Grappa di produzione locale - Acqua -
Degustazione di 2 vini della Franciacorta con servizio Sommelier – Snack
A seguire visita guidata della chiesa di Santa Maria della Neve, alla scoperta degli affreschi del grande artista Girolamo Romanino.
ore 14.37 partenza del Treno dei Sapori in direzione Provaglio d’Iseo
ore 15.05 arrivo a Provaglio d’Iseo e visita al Monastero di San Pietro in Lamosa
ore 16.42 partenza del Treno dei Sapori in direzione Iseo.
ore 16.45 arrivo a Iseo 
Ritrovo al pullman e viaggio di rientro in Valtellina con arrivo in prima serata. 
  
QUOTA DI PARTECIPAZIONE  € 90,00 
 
 IL VIAGGIO VERRA’ EFFETTUATO CON UN MINIMO DI 30 PERSONE
 
La quota comprende:

Trasferimento in pullman Gran Turismo dalla Valtellina a Iseo e ritorno

Pacchetto “Treno dei Sapori ” comprensivo di: servizio catering a bordo treno – visita guidata alla chiesa di santa Maria della Neve – visita guidata al Monastero di San Pietro in Lamosa –

servizio guida per l’intera giornata – accompagnatore d’Agenzia – assicurazione

La quota non comprende:
Extra di carattere personale - tutto quanto non espressamente indicato alla voce “la quota comprende”

Come funziona 

SCEGLI IL LUOGO DI PARTENZA E PRENOTA ONLINE  

L’ADDA DI LEONARDO - CRESPI D’ADDA E NAVIGAZIONE FLUVIALE

leonardo 3

L’ADDA DI LEONARDO

VILLAGGIO DI CRESPI D’ADDA

E NAVIGAZIONE FLUVIALE 

9 GIUGNO

Programma di viaggio

Partenza in pullman dalle varie località prestabilite.

Arrivo a CRESPI D’ADDA e visita guidata dell’antico villaggio industriale patrimonio dell’Unesco dal 1995 per il suo rilievo storico e architettonico, località singolare dove il tempo sembra essersi fermato. Qui, spazio, tempo e architettura sono un tutt’uno. Il villaggio sorge sulla punta meridionale estrema dell’Isola Bergamasca dove l’Adda accoglie le acque del Brembo. Prende il nome del suo costruttore, Cristoforo Benigno Crespi. La famiglia Crespi acquistò dai comuni di Capriate San Gervasio e Canonica d’Adda nel 1878 quest’area vicina al fiume Adda per costruire un cotonificio.

L’ambizioso progetto di Crespi, affidato all’architetto Ernesto Pirovano e all’ingegnere Pietro Brunati, prevedeva di affiancare agli stabilimenti – similmente a quanto già accadeva nell’Inghilterra della rivoluzione industriale – un vero e proprio villaggio per gli operai della fabbrica e le loro famiglie. L’insediamento venne dotato di ogni struttura necessaria: oltre alle casette delle famiglie operaie (complete di giardino ed orto) e alle ville per i dirigenti (che vennero costruite in seguito), il villaggio era dotato di chiesa (copia in scala ridotta del Santuario di Santa Maria di Piazza di Busto Arsizio), scuola, cimitero, ospedale proprio davanti alla fabbrica, campo sportivo, teatro, stazione dei pompieri e di altre strutture comunitarie tutt’oggi ancora ben conservate. Il cimitero di Crespi d’Adda, realizzato dall’architetto Gaetano Moretti (cui i Crespi avevano commissionato anche i lavori di realizzazione della centrale idroelettrica di Trezzo sull’Adda), è dominato dalla tomba della famiglia Crespi: una piramide con scalone monumentale, di stile eclettico e di gusto esotico, affiancata da due ampie esedre che sembrano idealmente simboleggiare l’abbraccio della famiglia Crespi a tutti gli operai del villaggio. Nel prato di fronte al famedio dei Crespi vi sono piccole croci disposte in modo ordinato e geometrico, mentre le tombe più elaborate sono allineate lungo i muri di cinta, memoria della stratificazione sociale della comunità.

Crespi è una città da esplorare per scoprire che ciò che state per conoscere è molto di più di un esempio insigne della storia architettonica. È un prodotto dell’opinione eccessivamente raffinata dell’Ottocento secondo cui le cose utili potevano e dovevano essere anche belle, e ciascuno aveva l’assoluto dovere di fare ogni cosa nel modo più elegante possibile. È un viaggio dentro una aspirazione industriale e alle origini di un sogno, in fondo ad una storia di macchine e di formiche, di modernità e di ideologie.

Alle 12,30 circa, terminata la visita trasferimento a Trezzo sull’Adda (5 km) dove è previsto il pranzo in Ristorante.

Ore 14.30 imbarco e navigazione sull’Adda.

Alla partenza lo scenario che si presenta agli occhi del navigatore è unico: la grande ansa del fiume formata dall’ultimo baluardo del “ceppo dell’Adda” è dominata dall’imponente mole del Castello Visconteo di origine longobarda. Ai suoi piedi si può ammirare la centrale idroelettrica “Taccani” capolavoro dello stile Liberty, vera e propria “cattedrale” dell’energia, che si inserisce perfettamente nel paesaggio naturale. Dopo una breve spiegazione sulla centrale e sul castello si riparte verso nord dove, dopo 15 minuti di navigazione, si giunge ad una bellissima oasi naturale che accoglie diverse specie animali tra cui cigni, svassi, folaghe, tartarughe d’acqua e germani reali. Terminata l’osservazione e la spiegazione si prosegue verso nord (direzione Porto d’Adda) fino a raggiungere la zona di Villa Paradiso dove la natura del Parco Adda Nord circonda ogni angolo visibile. Invertita la rotta si costeggia la parte opposta del fiume passando dalla zona “pescatori” e si raggiunge la vecchia “spiaggia” di sassi delle lavandaie. Qui la guida mostrerà tutte le pagine del codice atlantico scritte da Leonardo Da Vinci riguardanti questo tratto di Adda dove lui ha abitato per 4 anni. Scendendo ancora verso Sud si arriva ad un’ultima oasi sulla sponda bergamasca dove uccelli di varie specie riposano all’ombra del parco.

Costeggiando la centrale si arriva al punto di partenza arricchiti dopo aver conosciuto il fiume in ogni sua forma.

Ore 15.30 sbarco e tempo a disposizione per una rilassante passeggiata a bordo fiume, nel Parco dell’Adda Nord, fino a raggiungere il Castello Visconteo e la Centrale Taccani risalente ai primi del ‘900.

Ore 17,00 circa partenza per il viaggio di ritorno. Arrivo in Valtellina in prima serata..

  
Il viaggio verrà effettuato con un minimo di 25 persone.
 
QUOTA INDIVIDUALE DI PARTECIPAZIONE  85,00
  
La quota comprende:

viaggio in pullman Gran Turismo – visita guidata a Crespi d’Adda – pranzo in Ristorante bevande incluse – navigazione sull’Adda con guida – accompagnatore – assicurazione sanitaria.

La quota non comprende:

Extra di carattere personale; tutto quanto non espressamente indicato alla voce “la quota comprende”

Come funziona 

PRENOTA CLICCANDO QUI 

IL CENACOLO DI LEONARDO

darsena ok

IL CENACOLO DI LEONARDO

E NAVIGAZIONE DEL "NAVIGLIO GRANDE"

18 AGOSTO

 

Programma di viaggio

Partenza in pullman dalle varie località concordate in fase di prenotazione.

Ore 10.30 circa arrivo a Milano in zona Porta Ticinese. Scesi dal pullman si raggiunge l’attracco della motonave e alle ore 11.00 inizierà la navigazione sul NAVIGLIO GRANDE (durata 55 minuti con l’ausilio di auricolari) seguendo il percorso un tempo destinato alle chiatte che rifornivano di ogni merce la vecchia Milano, dal marmo del Duomo al riso dell’Oltrepo’. Partiti dall’Alzaia del Naviglio Grande dopo pochissimi metri si può ammirare il Vicolo dei Lavandai, proseguendo si arriva presso il Palazzo Galleoni dove ha sede il centro dell’incisione e di seguito si raggiunge uno dei più significativi complessi monumentali della zona ovvero la chiesa, il Ponte e il lavatoio di San Cristoforo. Superata la chiesa l’imbarcazione farà inversione di marcia per tornare verso il Vicolo dei Lavandai e, passando sotto il ponte detto dello “Scodellino”, si entra nella Darsena, un tempo autentico porto di interscambio per il commercio con il Lago Maggiore. Detto così già si può intuire l’importanza di questi canali ma c’è un dato in più: il Naviglio Grande è stata la prima opera del genere a essere realizzata in Europa e storicamente è una delle più grandi infrastrutture di ingegneria dell’alto Medioevo visto che risale al 1177.

Terminata la navigazione il programma prevede tempo libero da trascorrere passeggiando nel quartiere, tra il Naviglio Grande e il Naviglio Pavese, in particolare nel tratto compreso tra la darsena e la circonvallazione (viale Tibaldi, viale Cassala). Qui si concentra la maggior parte dei locali e delle attrattive che hanno reso celebre questo angolo di Milano, recentemente inserito dall’autorevole New York Times tra le 12 strade più belle di altrettante città europee.

Ore 14.15 trasferimento in pullman in Corso Magenta e visita a un luogo della Milano nascosta e segreta: la Vigna di Leonardo e la Casa degli Atellani.

Proprio a due passi dal Cenacolo, si potrà visitare la rinata vigna, quella che Ludovico Sforza, (duca di Milano) donò a Leonardo nel 1498, come segno di riconoscenza per la realizzazione dell'Ultima Cena; 16 pertiche di viti di Malvasia di Candia Aromatica, di cui oggi si sono recuperati i camminamenti dei filari e persino il DNA che, a distanza di secoli, ha permesso di far rinascere la Vigna di Leonardo. L’artista, appassionato di vini, apprezzò non poco questo regalo che, tra l’altro, gli avrebbe consentito di ottenere la tanto agognata cittadinanza milanese, ma il sogno non si avverò perché, pochi mesi dopo, Ludovico Sforza decadde. Comunque il vigneto continuò a rivestire un profondo valore affettivo per Leonardo.

Oltre al vigneto si visiterà anche il Palazzo degli Atellani, un’autentica casa-museo resa accessibile al pubblico pur rimanendo luogo privato. Ancor oggi appartiene ai discendenti della famiglia Conti che, all’inizio del Novecento, recuperò la dimora quattrocentesca di Giacomotto della Tela (Atellani), a cui il duca, Ludovico il Moro, donò questa casa nella zona di Porta Vercellina. Sono visitabili il suggestivo cortile, alcune sale affrescate nei primi decenni del XVI sec. e il lussureggiante giardino che ci si aspetterebbe di vedere in una villa di campagna, non certo in un palazzo cittadino.

Il pomeriggio prosegue con la visita al CENACOLO.

Ore 15.30 incontro con la guida e distribuzione auricolari. Dopo un’ampia introduzione all’aperto si accede al Convento Domenicano di Santa Maria delle Grazie dove, nell’ex refettorio, è esposto il capolavoro rinascimentale più noto al mondo e l’apice professionale di Leonardo da Vinci, il Cenacolo o Ultima cena, patrimonio dell’Unesco e capolavoro assoluto della storia dell’arte, una delle opere d’arte più importanti di tutti i tempi sia per la sua carica innovativa che per l’impatto che ebbe sugli artisti di tutte le epoche. Leonardo rappresenta il momento più drammatico del Vangelo quando Cristo annuncia il tradimento di uno degli apostoli.

Innanzitutto stupiranno le dimensioni: l’opera misura 880 cm di lunghezza e 460 cm di altezza. Poi si rimane stupefatti di fronte alla sua imponenza, anche perché la stanza è volutamente spoglia e semplice: l’attenzione è tutta sul dipinto, ci sono mille particolari da guardare, l’espressione dei volti, la postura dei corpi, il movimento delle mani.

Il sapiente uso della prospettiva contribuisce a far sentire lo spettatore parte della scena.

Il programma continua con la visita dell’adiacente Chiesa di Santa Maria delle Grazie, una delle più belle chiese d’Italia e punto di riferimento per l’architettura milanese legata al nome del grande Leonardo da Vinci e di Donato Bramante.

           

Ore 18,00 circa termine della visita, ritrovo al pullman e partenza per il rientro in Valtellina.

  
Il viaggio verrà effettuato con un minimo di 25 persone.
QUOTA INDIVIDUALE DI PARTECIPAZIONE € 90,00
  
La quota comprende:

Viaggio in pullman Gran Turismo – navigazione Naviglio Grande con spiegazione - ingresso a “La Vigna e Palazzo degli Atellani – ingresso al Cenacolo con visita guidata e ausilio di audioguide – assicurazione – accompagnatore.

La quota non comprende:

Extra di carattere personale; tutto quanto non espressamente indicato alla voce “la quota comprende”
 
PRENOTA CLICCANDO QUI 

VITTORIALE DEGLI ITALIANI E SALO'

Vittoriale il complesso monumentale

IL VITTORIALE DEGLI ITALIANI

E VISITA DI SALO'

2 GIUGNO

 

Programma di viaggio

Nella prima mattinata partenza in pullman dalle località prestabilite in direzione Gardone Riviera, via Lecco. All’arrivo incontro con la guida e visita al Vittoriale.
Il Vittoriale degli Italiani è un complesso di edifici, vie, piazze, un teatro all’aperto, giardini e corsi d’acqua eretto dal 1921 a Gardone Riviera da Gabriele d’Annunzio, con l’aiuto dell’architetto Gian Carlo Maroni. Il tutto è a memoria della “vita inimitabile” del poeta-soldato e delle imprese degli italiani durante la Prima Guerra Mondiale. Il complesso è molto grande, da una parte c’è il parco (premiato nel 2012 come Parco più bello d’Italia) ricco di sculture che artisti importanti hanno donato al poeta, poi c’è la Prioria, ovvero la casa vera e propria, l’hangar dove è esposto il motoscafo MAS, la nave Puglia smontata e portata qui da La Spezia e il grande mausoleo, nel punto più alto del complesso, dove riposano le spoglie di D’Annunzio e di altri eroi di guerra, il Teatro all’aperto in grado di ospitare 1.500 persone. Il pezzo forte è la casa di D’Annunzio da cui è possibile comprendere molto su questo discusso poeta-scrittore-soldato. Come si studia a scuola, D’Annunzio era una persona davvero particolare e ogni stanza della sua casa racconta qualcosa della sua storia e della sua personalità. Il poeta era un accumulatore seriale di oggetti e la casa trabocca di qualsiasi cosa, libri, quadri, sculture..e chi più ne ha più ne metta. Era sicuramente ossessionato dal ricordo che la gente avrebbe avuto di lui dopo la morte ed ha costruito la sua casa su questa “perversione”. Il risultato è davvero incredibile: partecipando alla visita guidata si ascolta di fatto una lezione sulla storia dell’Italia dai primi del ‘900 in poi.
 
Al termine della visita pranzo in ristorante.
 
Nel pomeriggio trasferimento a SALO’ una delle località più suggestive della sponda bresciana del lago.
Salò viene associata alla storia italiana più o meno recente, perché tra il 1943 al 1945 Mussolini stabilì qui la Repubblica Sociale Italiana, nota anche come Repubblica di Salò o Repubblica Sociale Fascista di Salò. Liberatasi da questo passato violento, oggi è una splendida cittadina a vocazione turistica.
Con la guida si ammireranno i numerosi suggestivi palazzi e monumenti che arricchiscono le vie salodiane in un centro storico magnificamente conservato: la Torre dell’Orologio, il Palazzo Municipale detto anche Palazzo del Podestà, il meraviglioso Duomo dedicato all’Annunciata dalla facciata spoglia e incompiuta ma con un interno prezioso ricco di opere importanti tra cui gli affreschi di Veronese e del Romanino.
Tempo a disposizione per una passeggiata sul lungolago pedonale che offre una spettacolare vista su tutto il golfo.
  
Il viaggio verrà effettuato con un minimo di 30 persone.
QUOTA INDIVIDUALE DI PARTECIPAZIONE € 85,00
RIDOTTO (0 - 12 ANNI NON COMPIUTI)        € 75,00
  
La quota comprende:

Viaggio in pullman Gran Turismo con n. 2 autisti - Ingresso e visita guidata al Vittoriale - Visita guidata al borgo di Salò - Pranzo in ristorante con bevande incluse - Assicurazione medico sanitaria GlobalAssistance - Accompagnatore.

La quota non comprende:

Extra di carattere personale; tutto quanto non espressamente indicato alla voce “la quota comprende”
 
PRENOTA CLICCANDO QUI 

TORINO E MUSE

Museo diocesano tridentino imagefullwide

Giornata alla scoperta di TRENTO

e il MUSE,  suggestivo museo delle scienze

8 SETTEMBRE

 

Programma di viaggio

Ritrovo agli orari e nei luoghi prestabiliti in fase di prenotazione.

Sistemazione in pullman e partenza verso il Trentino via Tirano – Aprica – Passo del Tonale.

Arrivo a TRENTO e visita guidata al MUSEO DEL MUSE con ingresso alle ore 10.00.

Nel 2013 ha aperto il MUSE, il nuovo Museo delle Scienze di Trento. Progettato dal famoso architetto Renzo Piano, il MUSE è il luogo ideale dove genitori e figli possono scoprire la scienza. L’edificio si sviluppa su una lunghezza di 130 metri, una larghezza di 35 metri e su sei livelli di altezza. Il totale della superficie è di 12.600 metri quadrati tutti da scoprire! Il rapporto uomo-natura è al centro della filosofia espositiva del MUSE. Visitando il museo è possibile comprendere come la scienza e la tecnologia possano contribuire a trovare buone soluzioni per il futuro del nostro pianeta. Il Muse offre un meraviglioso viaggio nella scienza e nella natura, pensata soprattutto per giovani, bambini e famiglie. Un percorso espositivo che usa la metafora della montagna per raccontare la vita sulla Terra e per farvi scoprire la serra tropicale, i sensi, i primi uomini sulle Alpi, la storia delle Dolomiti, la natura alpina e le alte vette.

Ore 11.30 termine della visita guidata e tempo a disposizione per approfondire temi di interesse personale.

Breve passeggiata per raggiungere il centro storico. Pranzo libero.

Ore 15.00 incontro con la guida e visita al centro storico di TRENTO, gioiello alpino incastonato tra i monti.

Punto di partenza della visita è piazza del Duomo, il cuore monumentale e storico di Trento. Nell'ampio spazio, quasi quadrato, si affacciano il Duomo, il merlato palazzo Pretorio con la torre Civica, la fontana del Nettuno e le belle case Cazuffi Rella con le facciate affrescate.

Avvicinandoci al Duomo si può osservare una larga striscia di marmo: questa striscia indicava il percorso della Roggia grande che in passato segnò il confine tra potere religioso e civile.

Potere religioso che si nota subito dalla possente mole del Duomo, dedicato a S. Vigilio.

Usciti dal Duomo abbiamo modo di vedere un altro simbolo di Trento, la fontana del Nettuno con il vicino palazzo Pretorio.

Addentrandosi nel centro storico si percorre l'elegante via Belenzani, fiancheggiata da palazzi signorili dalle facciate affrescate come quella del palazzo Colico, riconoscibile per il portale sormontato da trifora. Si prosegue per via Manci, ricca di palazzi rinascimentali, tra cui il palazzo Galasso, detto anche il palazzo del diavolo, di cui scrisse Goethe, ricordando la leggenda secondo la quale sarebbe stato costruito in una sola notte, dal diavolo in persona. Si prosegue verso la parte medievale della città, una zona anticamente conosciuta come Contrada Tedesca che vanta notevoli abitazioni antiche, portici, sporti lignei e ferrei battuti con diversi balconi.

Al termine della visita guidata è previsto tempo libero da trascorrere in centro città.

Ore 18.00 circa ritrovo al pullman e partenza per il viaggio di ritorno.

  
Il viaggio verrà effettuato con un minimo di 30 persone.
QUOTA INDIVIDUALE DI PARTECIPAZIONE € 75,00
  
La quota comprende:

Viaggio in pullman Gran Turismo – biglietto d’ingresso al Muse e visita guidata – visita guidata al centro di Trento accompagnatore – assicurazione sanitaria.

La quota non comprende:

Extra di carattere personale; tutto quanto non espressamente indicato alla voce “la quota comprende”
 
 
PRENOTA CLICCANDO QUI