REGGIA DI VENARIA E PARCO DELLA MANDRIA - Partenza dalla Valtellina

reggia1 81489

REGGIA DI VENARIA e

PARCO DELLA MANDRIA

1 MAGGIO

Programma di viaggio

Ritrovo agli orari e luoghi prestabiliti e partenza in pullman verso il Piemonte.

Ore 10.15 circa arrivo a Venaria, alle porte di Torino. Incontro con la guida e visita a

La Venaria Reale

Nacque nel 1658 per volontà di Emanuele II, l’amato Duca di Savoia appassionato di caccia il quale, ancor prima di salire al potere e dedicarsi alle faccende più serie che gli derivavano dal suo ruolo, diede inizio ai lavori per costruire l’edificio monumentale, il nucleo principale de La Venaria Reale, i giardini e l’intero piccolo borgo che ha dato poi negli anni a seguire vita a Venaria. Fu Vittorio Amedeo II, il figlio del compianto Duca, però che decise di ampliare il progetto paterno: vengono edificate la Galleria Grande, che collegava l’appartamento del Re a quello dell’erede al trono, la Cappella di Sant’Uberto, un grande edificio a croce greca con cappelle circolari sulle diagonali, la Citroniera, l’antica serra creata per il ricovero degli agrumi e le Scuderie Regie. Venaria reale divenne, in questo modo, uno dei capolavori del Barocco europeo, nonché il Palazzo del nuovo Re di Sicilia, titolo che Vittorio Amedeo II riuscì a conquistare dopo essersi ribellato ed aver sconfitto gli eserciti francesi.

All’inizio dell’Ottocento si compie il declino della Venaria, quando dopo l’arrivo di Napoleone la Reggia viene declassata a caserma ed i giardini vengono selvaggiamente spianati per farne una piazza per le esercitazioni militari. Il declino non si arresta e all’inizio del secondo millennio il capolavoro è ormai saccheggiato dai vandali e in uno stato di completo abbandono. Dopo 300 anni di progressivo degrado finalmente nel 1997 per volere del Ministero dei Beni Culturali e sostenuto dalla Comunità Europea iniziano i lavori di ristrutturazione, il più grande restauro conservativo affrontato in Europa. Aperto al pubblico nel 2007 il complesso è stato dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco.

Il complesso si sviluppa su 80.000 metri quadri di edificio monumentale della Reggia e 60 ettari di Giardini. La visita inizia con la grandiosa Corte d’Onore che presenta il meraviglioso Teatro dell’Acqua della Fontana del Cervo, una delle fontane più suggestive e grandi di tutto il mondo. Proseguendo si accede al piano terra con locali fedelmente ricostruiti e quindi al piano nobile perla visita agli appartamenti reale, la meravigliosa seicentesca Sala di Diana con dieci grandi tele a tema venatorio e tutto il percorso cerimoniale che passa per la Galleria Grande, il Rondò Alfieriano e porta fino alla Cappella di Sant’Ubaldo. Più di 500 le opere che si possono ammirar, tra dipinti, sculture, arazzi, mobili, oggetti d’argento e suppellettili di straordinario valore.

Passeggiata nei giardini della Reggia e a seguire pranzo in Ristorante nel borgo di Venaria.

Pomeriggio dedicato alla visita guidata al Borgo Castello.

La storia di Borgo Castello, residenza sabauda situata nel comune di Venaria Reale è legata in particolare a re Vittorio Emanuele II. Il re amava trascorrere il proprio tempo in questo luogo per dedicarsi all’attività preferita, le battute di caccia. Il castello, infatti, è circondato da quello che oggi è conosciuto come il Parco Naturale La Mandria, ma che una volta era una tenuta di caccia dalla fauna ricchissima.

Borgo Castello non fu caro a Vittorio Emanuele II solo in quanto tenuta di caccia. In questo luogo, infatti, il re poteva passare il proprio tempo con Rosa Vercellana, (detta la Bella Rosin) prima amante e in seguito sua consorte morganatica, lontano dagli occhi indiscreti della corte. Proprio alla donna amata, Vittorio Emanuele II destinò questa bellissima tenuta. Oggi è possibile visitare gli interni e gli appartamenti, splendidamente conservati, dall’atmosfera intima e accogliente, 14 ambienti ed una galleria completamente arredati che svelano aspetti unici della vita regale dove si può cogliere la figura del re sotto un profilo più intimo rispetto ad altre residenze dove era lasciato spazio al cerimoniale e alla rappresentanza. Con la ristrutturazione le sale che costituiscono gli Appartamenti Reali sono state completamente riallestite secondo le documentazioni archivistiche e si presentano ai visitatori perfettamente arredati con preziosi manufatti, opere d’arte, tessuti e suppellettili delle antiche collezioni sabaude che permettono di godere a pieno del gusto del re d’Italia.

Ad aggiungere valore alla già splendida residenza storica è senz’altro il parco naturale, una delle maggiori realtà europee di tutela ambientale dove vivono liberamente numerose specie di animali selvatici e domestici, come cervi, volpi, cinghiali e cavalli.

Ore 16.00 circa tempo libero per una passeggiata nel parco e di seguito ritrovo al pullman e partenza per il viaggio di rientro con arrivo in serata.

.
.
  
Quota di Partecipazione                                  € 115,00
Quota di partecipazione ridotto (0-12 anni)   € 105,00

 
 IL VIAGGIO VERRA’ EFFETTUATO CON UN MINIMO DI 30 PERSONE
 
La quota comprende:

Viaggio in pullman Gran Turismo – biglietti d’ingresso alla Reggia di Venaria e agli Appartamenti Reali di Borgo Castello - visite guidate mattino e pomeriggio – pranzo in Ristorante bevande incluse – accompagnatore – assicurazione sanitaria.

La quota non comprende:
Extra di carattere personale - tutto quanto non espressamente indicato alla voce “la quota comprende”

Come funziona 

SCEGLI IL LUOGO DI PARTENZA E PRENOTA ONLINE